La critica è una pillola amara ma pur sempre una medicina

Bye Bye Italia: pensionati in fuga

in Cosa succede in Italia?/Perché l'economia fa girare tutto!

L’Italia non è un paese per giovani ma le statistiche mostrano come non sia nemmeno un Paese per vecchi. In rete i siti per le persone che vogliono cambiare vita sono molteplici e dai titoli piuttosto espliciti.

Compaiono nei pop-up dei siti pornografici come all’interno dei redazionali di Donna Moderna.

Ma se nell’immaginario collettivo messaggi come “voglio vivere così” o “cambio vita” generano proiezioni mentali alla Puerto Escondido celano un esercito di pensionati italiani che scelgono di trasferirsi all’estero per il clima, ma soprattutto per i costi: minor costo della vita e minor pressione fiscale sulle rendite ricevute.

Pensioni in Italia in funzione degli importi erogati Fonte: Corriere della Sera
Pensioni in Italia in funzione degli importi erogati Fonte: Corriere della Sera

Perché una piccola rendita consente di vivere più dignitosamente. E nel nostro Paese un pensionato su due prende meno di mille euro al mese. Fare le valigie in alcuni casi rappresenta una scelta obbligata.

Cosi l’Italia dopo dopo la fuga dei cervelli scopre la fuga dei pensionati e i dati Inps mostrano una tendenza in forte crescita (+65% ) e gli incrementi maggiori si registrano in Oceania (+257%), Africa (+164%) ed America centrale (+114%).

I pensionati espatriati negli ultimi cinque anni sono 16.420, di cui 5.345 nel solo 2014. L’Inps eroga all’estero circa 400mila trattamenti pensionistici all’anno per un importo complessivo di oltre un miliardo di euro in più di centocinquanta Paesi.

Come nella fuga dei cervelli anche questo fenomeno presenta il conto: meno imposte e soldi erogati spesi all’estero.

Italiani all'estero: esodo da record Fonte: Aire
Italiani all’estero, numeri di un esodo da record Fonte: Aire

L’altra faccia della medaglia è quella degli immigrati che fanno “un regalo consistente” all’Italia poichè molti versano contributi previdenziali senza ricevere alcuna pensione. I versamenti degli stranieri riguardano contributi annui tra i 7 e gli 8 miliardi e circa il 21% di questi non da poi luogo a nessuna prestazione rimanendo così nelle casse dell’INPS.

Una speranza per l’Italia?

Di certo gli immigrati, quelli che lavorano, pagano le pensioni ai cittadini italiani.  Una magra consolazione per uno stato che non da futuro ai giovani ma nemmeno serenità agli anziani.

18 Comments

  1. ….a Tenerife…vuoi per il clima…vuoi per il tenore di vita alla portata di tutte le tasche…si stanno riversando parecchi nostri connazionali anziani….quelli che una pensione ,anche minima,ce l’hanno….tanto che l’isola si sta trasformando in un vero ospizio….ecco perché l’amministrazione canaria sta correndo ai ripari mettendo dei paletti all’immigrazione selvaggia ….paletti burocratici….non ancora filo spinato …dall’Italia non fuggono solo i cervelli…c’è chi si porta appresso il costume,il cappello,gli occhiali da sole,le pastiglie della pressione e il bancomat….

    View Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Altri articoli da

Go to Top